fbpx

I Cannelloni con patate e gamberi su vellutata di datterino giallo

AUTORE CHEF ANTONIO SORRENTINO

Per preparare i cannelloni farciti con patate e gamberi, profumati con zenzero e lime su una vellutata di Datterino giallo, sarà necessario affrontare vari step di lavoro. Partendo dalla realizzazione delle crepes, proseguendo con la farcitura e infine con il condimento.

loading...

Step 1

Per la pasta delle crepes profumata al lime:
Per evitare i grumi utilizzare due farine. Una di grano tenero e una di riso;
mescolare e aggiungere il latte lentamente per evitare addensamenti fastidiosi.
L’impasto rimarrà liscio e omogeneo.
Aggiungere alla pastella di latte e farina due uova intere e un tuorlo che avrete precedentemente sbattuto Il bianco andrà tenuto da parte in una coppetta perché servirà in un secondo momento.
Salare e aggiungere un cucchiaio di burro.
Grattugiare la buccia di un lime biologico e ben lavato per dare profumo.
Far riposare.

Step 1 -- Per la pasta delle crepes profumata al lime:
Per evitare i grumi utilizzare due farine. Una di grano tenero e una di riso;
mescolare e aggiungere il latte lentamente per evitare addensamenti fastidiosi.
L’impasto rimarrà liscio e omogeneo.
Aggiungere alla pastella di latte e farina due uova intere e un tuorlo che avrete precedentemente sbattuto Il bianco andrà tenuto da parte in una coppetta perché servirà in un secondo momento.
Salare e aggiungere un cucchiaio di burro.
Grattugiare la buccia di un lime biologico e ben lavato per dare profumo.
Far riposare.

Step 2

Per la cottura delle crepes:
Passare il fondo della padella antiaderente con un fazzoletto imbevuto di olio extravergine di oliva, così da evitare che l’impasto si attacchi.
Quando la padella si sarà riscaldata, prelevare con un mestolo circa 30 grammi di pastella e versare nel punto centrale della pentola.
La cottura deve essere leggera, il colore deve rimanere bianco e la consistenza deve essere morbida.
Lo spessore non dovrà essere né troppo sottile né troppo importante.

Step 2 -- Per la cottura delle crepes:
Passare il fondo della padella antiaderente con un fazzoletto imbevuto di olio extravergine di oliva, così da evitare che l’impasto si attacchi.
Quando la padella si sarà riscaldata, prelevare con un mestolo circa 30 grammi di pastella e versare nel punto centrale della pentola.
La cottura deve essere leggera, il colore deve rimanere bianco e la consistenza deve essere morbida.
Lo spessore non dovrà essere né troppo sottile né troppo importante.

Step 3

Per il brodo di gamberi:
Pulire i gamberi, eviscerandoli e rimuovendo sia le teste che i gusci.
Quando andremo ad utilizzare le teste sarà necessario privarle degli occhi per evitare un retrogusto sgradevolmente amaro.
Preparare un soffritto con burro e cipolla, porro e aglio. Far rosolare, poi aggiungere i carapaci.
Sfumare con il vino bianco, far evaporare l'alcol e poi aggiungete l'acqua a filo, fino a coprire completamente i carapaci.
Aggiungere il prezzemolo, il pepe in grani, il sale e far sbollentare per 60 minuti. Poi filtrare.

Step 3 -- Per il brodo di gamberi:
Pulire i gamberi, eviscerandoli e rimuovendo sia le teste che i gusci.
Quando andremo ad utilizzare le teste sarà necessario privarle degli occhi per evitare un retrogusto sgradevolmente amaro.
Preparare un soffritto con burro e cipolla, porro e aglio. Far rosolare, poi aggiungere i carapaci.
Sfumare con il vino bianco, far evaporare l'alcol e poi aggiungete l'acqua a filo, fino a coprire completamente i carapaci.
Aggiungere il prezzemolo, il pepe in grani, il sale e far sbollentare per 60 minuti. Poi filtrare.

Step 4

Per il ripieno:
Su una spianatoia, con l’aiuto di un coltello, ridurre la carne in pezzetti piccoli, come una tartare per avere un ripieno liscio, omogeneo ma con dei pezzettini.
Nel frattempo cuocere delle patate intere al forno a 160° per un'ora, senza privarle della buccia che andranno successivamente pelate e schiacciate. Serviranno per comporre il ripieno appena i gamberi saranno pronti.

Step 4 -- Per il ripieno:
Su una spianatoia, con l’aiuto di un coltello, ridurre la carne in pezzetti piccoli, come una tartare per avere un ripieno liscio, omogeneo ma con dei pezzettini.
Nel frattempo cuocere delle patate intere al forno a 160° per un'ora, senza privarle della buccia che andranno successivamente pelate e schiacciate. Serviranno per comporre il ripieno appena i gamberi saranno pronti.

Step 5

Per il soffritto:
Prima di mettere l’olio in padella passare uno spicchio d'aglio, poi preparare una base di burro chiarificato e olio extravergine di oliva.
Far riscaldare e aggiungere il porro tritato. Far rosolare delicatamente e aggiungere i gamberi che dovranno rosolare a fiamma viva, giusto il tempo di vedere la carne diventare bianca.
Grattugiare un po’ di lime, un po’ di buccia di arancia e un po’ di zenzero mentre il sugo si asciuga. Integrare con le patate passate e con del prezzemolo tritato. Aggiustare con sale e pepe. Far raffreddare il composto.

Step 5 -- Per il soffritto:
Prima di mettere l’olio in padella passare uno spicchio d'aglio, poi preparare una base di burro chiarificato e olio extravergine di oliva.
Far riscaldare e aggiungere il porro tritato. Far rosolare delicatamente e aggiungere i gamberi che dovranno rosolare a fiamma viva, giusto il tempo di vedere la carne diventare bianca.
Grattugiare un po’ di lime, un po’ di buccia di arancia e un po’ di zenzero mentre il sugo si asciuga. Integrare con le patate passate e con del prezzemolo tritato. Aggiustare con sale e pepe. Far raffreddare il composto.

Step 6

Per le salse:
Strofinare un aglio sul fondo di due padella: una per la vellutata di Datterino Giallo Così Com’è e l’altra per la passata di Datterino rosso.
Far riscaldare e aggiungere il brodo di gamberi con maggiorana, alloro e prezzemolo.
Dopo averlo lasciato sfumare, eliminare le erbe aromatiche e aggiungere in una la vellutata nell’altra padella la passata.
Salare e far cuocere a fiamma bassa il tempo che si restringa dal brodo.
Solo nel sugo giallo grattugiare un po’ di lime.
Aggiungere in ogni salsa un cucchiaino di burro.

Step 6 -- Per le salse:
Strofinare un aglio sul fondo di due padella: una per la vellutata di Datterino Giallo Così Com’è e l’altra per la passata di Datterino rosso.
Far riscaldare e aggiungere il brodo di gamberi con maggiorana, alloro e prezzemolo.
Dopo averlo lasciato sfumare, eliminare le erbe aromatiche e aggiungere in una la vellutata nell’altra padella la passata.
Salare e far cuocere a fiamma bassa il tempo che si restringa dal brodo.
Solo nel sugo giallo grattugiare un po’ di lime.
Aggiungere in ogni salsa un cucchiaino di burro.

Step 7

Per la farcitura:
Quando la farcia si sarà finalmente raffreddata, le crepes saranno pronte e anche le salse saranno definitivamente giunte a cottura si potrà procedere con la fase di farcitura.
Riprendere a questo punto l’albume tenuto da parte, salare e sbattere senza creare schiuma.
Aggiungere una parte al ripieno perché aiuti a compattarlo nella cottura e una manciata di parmigiano.
Riempire una sac a poche e poi tagliarla alla punta rispettando la grandezza del cannellone da farcire.
Tagliare le crepes ai bordi, spennellare con l’albume e fare la prima striscia del ripieno.
Arrotolate la crepes su se stessa e una volta chiusi i cannelloni tagliarli per metà.

Step 7 -- Per la farcitura:
Quando la farcia si sarà finalmente raffreddata, le crepes saranno pronte e anche le salse saranno definitivamente giunte a cottura si potrà procedere con la fase di farcitura.
Riprendere a questo punto l’albume tenuto da parte, salare e sbattere senza creare schiuma.
Aggiungere una parte al ripieno perché aiuti a compattarlo nella cottura e una manciata di parmigiano.
Riempire una sac a poche e poi tagliarla alla punta rispettando la grandezza del cannellone da farcire.
Tagliare le crepes ai bordi, spennellare con l’albume e fare la prima striscia del ripieno.
Arrotolate la crepes su se stessa e una volta chiusi i cannelloni tagliarli per metà.

Step 8

Per la composizione in teglia:
Se necessario rifilare la pettola davanti. Riporli distanziati su una teglia antiaderente su carta da forno.
Spennellate la teglia con del burro fuso. Preriscaldare il forno a 220 °.
Spennellare i cannelloni con la vellutata gialla di Datterino giallo. Spolverare con formaggio e gocce di burro. Infornare per 10 minuti.
Impiattare i cannelloni su una vellutata di Datterino giallo.
Ne basteranno appena due cucchiai punteggiati con la passata di Datterino rosso, gamberi passati al forno e lime grattugiato.

Step 8 -- Per la composizione in teglia:
Se necessario rifilare la pettola davanti. Riporli distanziati su una teglia antiaderente su carta da forno.
Spennellate la teglia con del burro fuso. Preriscaldare il forno a 220 °.
Spennellare i cannelloni con la vellutata gialla di Datterino giallo. Spolverare con formaggio e gocce di burro. Infornare per 10 minuti.
Impiattare i cannelloni su una vellutata di Datterino giallo.
Ne basteranno appena due cucchiai punteggiati con la passata di Datterino rosso, gamberi passati al forno e lime grattugiato.

Aggiungi ai preferiti Full Screen

Share it:

Ingredienti

  • 500 gr Vellutata di Datterino giallo
  • 280 gr Passata Datterino rosso
  • 600 gr Patate cotte e schiacciate
  • 400 gr Gamberi
  • 100 gr Parmigiano grattugiato
  • 30 gr Burro
  • 30 gr Porro
  • q.b. Zenzero
  • q.b. Arancio
  • q.b. Sale e pepe
  • Olio extravergine di oliva
  • Maggiorana, alloro e prezzemolo
  • Pasta celestina o crespelle per cannelloni al lime:
  • 2 Uova medie intere
  • 1 Tuorlo
  • 250 ml Latte
  • 85 gr Farina 0
  • 85 gr Farina di riso
  • 10 gr Burro (per impasto)
  • Lime grattuggiato
  • q.b. Sale
  • 10 gr Olio di semi per padellino

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE QUESTE RICETTE

  • 81

    Sicilia: Melanzana ripiena con anelloni alla Norma

    La Sicilia, isola del Sole, non si risparmia in bellezza neppure a tavola. In questa ricetta della tradizione, le barchette di melanzane protagoniste della stagione estiva, vengono reinterpretate in un finger food unconventional. [vc_row css=".vc_custom_1652106688272{margin-top: 0px !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 20px !important;margin-left: 0px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;}"][vc_column el_class="rwd-video"][vc_video link="https://youtu.be/zl6g-LEX4jw" align="center"][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" content_placement="middle" remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="4724" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Spaghetti risottati all’amatriciana gialla La Sicilia, isola del Sole, non si risparmia in bellezza neppure a tavola. In questa ricetta della tradizione, le barchette di melanzane protagoniste della stagione estiva, vengono reinterpretate in un finger food unconventional. Le melanzane ripiene con anelloni alla Norma, nascono dalla suggestione della pasta tipica catanese e in questa versione senza carne, diventano un antipasto light facile e veloce che incontra anche le esigenze della cucina vegetariana. Il gusto del datterino rosso pelato in succo Così Com’è e della vellutata dolce di datterino giallo Così Com'è donano vivacità a questo piatto unico, squisito, originale e completo. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="4859,4860,4861,4862,4863" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    40 min

    Medium

  • 80

    Lazio: Spaghetti risottati all’amatriciana gialla con datterini gialli, guanciale e crema pecorino

    I bucatini all'Amatriciana (matriciana in romanesco) sono un piatto tipico della tradizione gastronomica di Amatrice, cittadina in provincia di Rieti, sono entrati nella storia della gastronomia laziale. [vc_row css=".vc_custom_1652106688272{margin-top: 0px !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 20px !important;margin-left: 0px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;}"][vc_column el_class="rwd-video"][vc_video link="https://youtu.be/I_vOMLWCdrI?t=0" align="center"][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" content_placement="middle" remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="4724" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Spaghetti risottati all’amatriciana gialla È la regione della Carbonara, della pasta Cacio e Pepe e dell’Amatriciana. Dal 21 aprile 753 a.C. data della fondazione di Roma, è anche la culla della civiltà occidentale. La Capitale dell'Italia ospita la sede del Vaticano e il suo centro storico è stato riconosciuto patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1980. Tra rovine, piazze, chiese, parchi e fontane, capolavori indiscussi dell’arte, nella sola città di Roma vi sono alcuni dei monumenti più visitati al mondo: dai musei vaticani al Colosseo, dalla Basilica di San Pietro con il colonnato del Bernini a Castel Sant’Angelo e ancora Piazza di Spagna e Villa Borghese, Fontana di Trevi e Campo de’ Fiori e Trastevere, sono solo alcuni dei luoghi simbolo di una città che con le sue straordinarie bellezze è stata il set naturale di tanti film, protagonisti della storia del cinema. Un luogo magico dove vivere è anche sognare. I bucatini all'Amatriciana (matriciana in romanesco) sono un piatto tipico della tradizione gastronomica di Amatrice, cittadina in provincia di Rieti. L’errore più classico che si commette quando si preparano i bucatini all’amatriciana è quello di utilizzare l’aglio o la cipolla per dare carattere al sugo: aglio e cipolla non si utilizzano in questa ricetta. Li abbiamo rivisitati utilizzando al posto dei classici bucatini e pomodori San Marzano, gli spaghetti e un sugo di Datterino Giallo che donerà dolcezza e colore. Un piatto dal gusto bilanciato con una leggera salinità data dal guanciale. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="4793,4824,4826" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    40 min

    Medium

  • 79

    Campania: Parmigiana di mare con le alici fritte e Datterino pelato

    Come preparare la parmigiana di alici! La ricetta per un menù di mare, senza melanzane con il datterino rosso Così com'è. [vc_row css=".vc_custom_1652106688272{margin-top: 0px !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 20px !important;margin-left: 0px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;}"][vc_column el_class="rwd-video"][vc_video link="https://youtu.be/6WChBamGLxA" align="center"][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" content_placement="middle" remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="4724" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Parmigiana di mare con alici e melanzane al pomodoro Datterino L’acciuga (o alice) è un pesce azzurro tipico molto amato in Campania. In cucina è versatile: si presta a preparazioni semplici o elaborate, rivelandosi incredibilmente piacevole. Come riconoscere se le alici sono fresche? Attenzione all’odore: deve essere delicato e gradevole; all’aspetto il corpo deve risultare brillante e le carni sode, con squame aderenti; il colorito delle branchie rosato, tendente al rosso e l’occhio vivo e sporgente, con pupilla nera, non arrossata. L’acciuga si caratterizza per la ricchezza di proteine e acidi grassi Omega-3, proteine, preziosi minerali (calcio, ferro, fosforo e selenio). [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="4738,4828,4829,4827" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    40 min

    Medium

  • 112

    I Cannelloni con patate e gamberi su vellutata di datterino giallo

    AUTORE CHEF ANTONIO SORRENTINO Per preparare i cannelloni farciti con patate e gamberi, profumati con zenzero e lime su una vellutata di Datterino giallo, sarà necessario affrontare vari step di lavoro. Partendo dalla realizzazione delle crepes, proseguendo con la farcitura e infine con il condimento.


    35 min

    Medium

  • 78

    Piovono Polpette: Polpette di melanzane su vellutata di Datterino Giallo

    Questa settimana “Piovono polpette!”. Proprio così: per Ricette da Oscar il famoso film di animazione, realizzato in computer grafica 3D e prodotto dalla Sony Pictures Animation nel 2009, te lo serviamo abbinato ad un piatto di polpette di melanzane su una vellutata di Datterino Giallo.[vc_row css=".vc_custom_1616089820856{margin-top: 0px !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;}"][vc_column el_class="rwd-video"][vc_video link="https://www.youtube.com/watch?v=424BrE278Ao" align="center"][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" content_placement="middle" remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="3244" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Questa settimana “Piovono polpette!”. Proprio così: per Ricette da Oscar il famoso film di animazione, realizzato in computer grafica 3D e prodotto dalla Sony Pictures Animation nel 2009, te lo serviamo abbinato ad un piatto di polpette di melanzane su una vellutata di Datterino Giallo. Si tratta della versione vegetariana rigorosamente mediterranea delle classiche polpette al ragù. Una ricetta sana e gustosa da portare in tavola e da spizzicare in compagnia di un buon film. Ironicamente catastrofico, la pellicola racconta per novanta minuti le vicende del genio Flint Lockwood, con forti problemi di socializzazione, forse determinati dalla sua speciale attitudine a ragionare continuamente su nuove invenzioni da realizzare. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="4611" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    45 min

    Medium

  • 78

    Capri Revolution: Ravioli capresi con lo chef Antonio Sorrentino

    Oggi con Ricette da Oscar siamo a Capri per realizzare un piatto davvero particolare, i “Ravioli capresi”! E quale film migliore di Capri Revolution per godersi questo piatto che vede come protagonista il nostro pomodoro Pizzutello, varietà tipica della Campania.[vc_row css=".vc_custom_1616089820856{margin-top: 0px !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;}"][vc_column el_class="rwd-video"][vc_video link="https://www.youtube.com/watch?v=iaFnD22vv7c" align="center"][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" content_placement="middle" remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="3244" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Oggi con Ricette da Oscar siamo a Capri per realizzare un piatto davvero particolare, i “Ravioli capresi”! E quale film migliore di Capri Revolution per godersi questo piatto che vede come protagonista il nostro pomodoro Pizzutello, varietà tipica della Campania. Il film racconta la storia di un gruppo di giovani artisti nordeuropei che nel 1914, proprio mentre sta per scoppiare la Prima Guerra Mondiale, scelgono l'isola di Capri per fondare la loro comune. Qui intendono praticare una vita semplice, primordiale, e per questo praticano il nudismo, sono vegetariani e ricercano nuove forme espressive basate sul rapporto con la natura selvaggia. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="4595,4596,4597" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    45 min

    Medium