fbpx

LASAGNE APERTE

Le lasagne aperte sono una rivisitazione di uno dei piatti più amati della cucina italiana, le lasagne, preparato in monoporzione.

Le lasagne sono condite con melanzane e sugo di pomodoro pizzutello, in un perfetto equilibrio di dolcezza e acidità. Ne deriva un primo piatto semplice, gustoso e bello da presentare.

Ecco come preparare, passo per passo, le lasagne aperte.


Step 1

Lavate le melanzane, asciugatele, eliminate il picciolo. Tagliatele a fettine sottili. Cospargetele di sale e lasciatele riposare almeno 20 minuti.

Step 1 -- Lavate le melanzane, asciugatele, eliminate il picciolo. Tagliatele a fettine sottili. Cospargetele di sale e lasciatele riposare almeno 20 minuti.

Step 2

Tagliate a metà i pomodorini e teneteli da parte.

Step 2 -- Tagliate a metà i pomodorini e teneteli da parte.

Step 3

Pulite con carta assorbente da cucina le foglie di basilico. Grattugiate il pecorino.

Step 3 -- Pulite con carta assorbente da cucina le foglie di basilico. Grattugiate il pecorino.

Step 4

Versate in una casseruola 2 cucchiai di olio. Aggiungete la passata di pomodoro e almeno 2 foglie di basilico. Fate sobbollire la preparazione a fuoco dolce coperto almeno 20 minuti. Salate.

Step 4 -- Versate in una casseruola 2 cucchiai di olio. Aggiungete la passata di pomodoro e almeno 2 foglie di basilico. Fate sobbollire la preparazione a fuoco dolce coperto almeno 20 minuti. Salate.

Step 5

Tamponate con della carta assorbente le fette di melanzana. Versate la farina bianca in un piatto fondo e passatevi le fette di melanzana, scuotendolo poi delicatamente per eliminare la farina in eccesso. Versate l'olio rimasto in una padella e portatelo a temperatura. Adagiate man mano le fette di melanzana, friggetele da ambo le parto almeno 2 minuti. Scolatele su della carta assorbente. Procedete alla cottura di tutte le fette.

Step 5 -- Tamponate con della carta assorbente le fette di melanzana. Versate la farina bianca in un piatto fondo e passatevi le fette di melanzana, scuotendolo poi delicatamente per eliminare la farina in eccesso. Versate l'olio rimasto in una padella e portatelo a temperatura. Adagiate man mano le fette di melanzana, friggetele da ambo le parto almeno 2 minuti. Scolatele su della carta assorbente. Procedete alla cottura di tutte le fette.

Step 6

Togliete dal fuoco la passata.

Step 6 -- Togliete dal fuoco la passata.

Step 7

Scaldate il forno a 180°. Stendete sul piano di lavoro la pasta fresca e ricavate con un tagliapasta almeno 18 dischi di circa 10 cm di diametro. Imburrate una larga teglia, oppure potete rivestire la placca con della carta forno bagnata e strizzata. Disponete leggermente distanziate sul fondo uno strato di dischi di pasta. Adagiatevi sopra con 1-2 fette ciascuna di melanzana, qualche cucchiaio di passata di pomodoro, coprite con 2 metà di pomodorini e cospargete con le foglie di basilico rimaste tagliate a listarelle e con il pecorino. Tenete da parte alcune ciuffi di basilico interi per la presentazione.

Step 7 -- Scaldate il forno a 180°. Stendete sul piano di lavoro la pasta fresca e ricavate con un tagliapasta almeno 18 dischi di circa 10 cm di diametro. Imburrate una larga teglia, oppure potete rivestire la placca con della carta forno bagnata e strizzata. Disponete leggermente distanziate sul fondo uno strato di dischi di pasta. Adagiatevi sopra con 1-2 fette ciascuna di melanzana, qualche cucchiaio di passata di pomodoro, coprite con 2 metà di pomodorini e cospargete con le foglie di basilico rimaste tagliate a listarelle e con il pecorino. Tenete da parte alcune ciuffi di basilico interi per la presentazione.

Step 8

Irrorate la superficie con l'olio rimasto. Infornate 20 minuti circa. Togliete dal forno e lasciate riposare qualche minuto. Trasferite sui piatti individuali le porzioni di lasagne aiutandovi con una paletta. Decorate il piatto con le foglie di basilico e servite.

Step 8 -- Irrorate la superficie con l'olio rimasto. Infornate 20 minuti circa. Togliete dal forno e lasciate riposare qualche minuto. Trasferite sui piatti individuali le porzioni di lasagne aiutandovi con una paletta. Decorate il piatto con le foglie di basilico e servite.

Aggiungi ai preferiti Full Screen

Share it:

Ingredienti

  • Passata di Pomodoro Pizzutello
  • Pomodoro Pizzutello in succo
  • 250 gr di pasta fresca pronta
  • 1 melanzana
  • 500 gr di pomodori pizzutello in succo
  • 300 ml di passata di pomodoro pizzutello
  • 50 gr di farina bianca
  • 1 rametto di basilico
  • 30 gr di pecorino
  • 30 gr di burro
  • 50 gr di olio di oliva
  • q.b. sale

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE QUESTE RICETTE

  • 63

    Ladri di biciclette di Vittorio De Sica: mozzarella in carrozza

    La ricetta è ispirata al film “Ladri di biciclette”, capolavoro del Neorealismo italiano diretto da Vittorio De Sica.[vc_row remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="3244" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Il terzo piatto della rubrica Ricette da Oscar è la Mozzarella in carrozza.   La ricetta è ispirata al film “Ladri di biciclette”, capolavoro del Neorealismo italiano diretto da Vittorio De Sica. Ovvero uno spaccato dell’Italia del dopoguerra, delle sue miserie e della sua voglia di riscatto, attraverso un mezzo di trasporto che si fa portatore di lavoro, cibo e speranza. La mozzarella in carrozza dello chef  è una gustosa interpretazione della tipica ricetta napoletana, arricchita dall’utilizzo dei pomodorini semidry e delle acciughe dal tocco in più del ketchup a insaporire il tutto. Ideale per buffet, antipasti e aperitivi.   Ecco come preparare, passo per passo, la Mozzarella in carrozza. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="3309,3310,3311,3312,3313,3314,3315,3316,3317,3318,3319,3320,3321" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    20 min

    Easy

  • 63

    I Soprano: cannoli salati con doppio concentrato di datterino rosso

    La prima Ricetta da Oscar cucinata per voi cinefili gourmet sono le fettuccine con cavolfiore e dolci metà di datterino giallo.[vc_row remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="3244" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Il secondo piatto della rubrica Ricette da Oscar sono i Cannoli salati con doppio concentrato di datterino rosso. La ricetta è ispirata alla serie televisiva “I Soprano”, sulla vita di Tony Soprano, boss di una famiglia criminale italo-americana del New Jersey. I cannoli salati con doppio concentrato di datterino rosso sono una gustosa rivisitazione del dolce tipico siciliano in chiave salata, omaggio all’ingrediente principe della Dieta mediterranea, il pomodoro. Un’idea sfiziosa e originale per i tuoi antipasti e aperitivi. Ecco come preparare, passo per passo, i cannoli salati con doppio concentrato di datterino rosso. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="3288,3289,3290,3291,3292,3293,3294,3295,3296,3297,3298,3299,3300" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    20 min

    Easy

  • 63

    Mediterraneo di Gabriele Salvatores: Fettuccine con cavolfiore e dolci metà di datterino giallo

    La prima Ricetta da Oscar cucinata per voi cinefili gourmet sono le fettuccine con cavolfiore e dolci metà di datterino giallo.[vc_row remove_padding="no-padding-vc-row"][vc_column width="1/3"][vc_single_image image="3244" img_size="full" alignment="center"][/vc_column][vc_column width="2/3"][vc_column_text] La prima Ricetta da Oscar cucinata per voi cinefili gourmet sono le fettuccine con cavolfiore e dolci metà di datterino giallo.  Questo piatto lo abbiamo immaginato ispirandoci al film “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores − lo avevate indovinato?! − in cui un gruppo di soldati italiani si ritrova su una idilliaca isola greca e, in varie scene del film, condivide momenti di convivialità a tavola. Le fettuccine con dolci metà di datterino giallo sono un primo piatto gustoso e raffinato, che unisce il sapore dolce e delicato del cavolfiore e del datterino giallo al tocco di intensità e sapidità delle olive e del guanciale, per un bilanciamento perfetto di gusti e consistenze. Ecco come preparare, passo per passo, le fettuccine con cavolfiore e dolci metà di datterino giallo. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row equal_height="yes" remove_padding="no-padding-vc-row" css=".vc_custom_1610131389909{margin-top: 2% !important;}"][vc_column][vc_gallery interval="3" images="3242,3241,3234,3235,3236,3237,3238,3239,3240" img_size="large" onclick=""][vc_raw_js]JTNDc2NyaXB0JTIwdHlwZSUzRCUyMnRleHQlMkZqYXZhc2NyaXB0JTIyJTNFJTIwJTBBJTBBYSUyMCUzRCUyMGpRdWVyeSUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtZGV0YWlscy1jb250YWluZXIlMjclMjkuZmluZCUyOCUyNy5sYy1yZWNpcGUtc2hvcnQtZGVzY3JpcHRpb24lMjclMjklMEFpZiUyMCUyOGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUyMCUyNiUyNiUyMGEuaGFzQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUyOSU3QiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbWQtNiUyNyUyOSUzQiUwQSUyMGEucmVtb3ZlQ2xhc3MlMjglMjdjb2wtbGctNiUyNyUyOSUzQiUwQSU3RCUwQSUzQyUyRnNjcmlwdCUzRQ==[/vc_raw_js][vc_row_inner equal_height="yes" css=".vc_custom_1610304774845{margin-top: 10% !important;margin-right: 0px !important;margin-bottom: 0px !important;margin-left: 0px !important;border-top-width: 3px !important;border-right-width: 3px !important;border-bottom-width: 3px !important;border-left-width: 3px !important;padding-top: 0px !important;padding-right: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;padding-left: 0px !important;border-left-color: #dd3333 !important;border-left-style: solid !important;border-right-color: #dd3333 !important;border-right-style: solid !important;border-top-color: #dd3333 !important;border-top-style: solid !important;border-bottom-color: #dd3333 !important;border-bottom-style: solid !important;}"][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610304766882{margin: 0px !important;padding: 0px !important;}"][vc_single_image image="3260" img_size="full" alignment="center"][/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/2" css=".vc_custom_1610311444500{margin-top: 10% !important;margin-right: 3% !important;margin-left: 3% !important;}"][contact-form-7 id="3258"][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]


    30 min

    Medium

  • 106

    Lasagna: Bolognese vs. Napoletana con Patrizia Nanni e Antonio Sorrentino

        AUTORE CHEF PATRIZIA NANNI e ANTONIO SORRENTINO Tra le innumerevoli varianti delle lasagna, due sono le ricette che si possono definire classiche. La più essenziale ed elegante lasagna alla bolognese e la lasagna napoletana, estremamente ricca di ingredienti e consistenze, una ricetta quasi "vulcanica". Fra pasta fresca all'uovo e pasta secca di grano duro, in mezzo a besciamella e ricotta di bufala, tra il ragù bolognese e quello napoletano, seguire Antonio Sorrentino e Patrizia Nanni in questo affondo sulla lasagna sarà un'esperienza forte! In collaborazione con:   vedi la ricetta del ragù napoletano vedi la ricetta delle polpette al sugo


    0 min

    Hard

  • 103

    Polpette al Sugo di Antonio Sorrentino, Ricetta Napoletana

        AUTORE CHEF ANTONIO SORRENTINO E' forse il comfort food per eccellenza, non solo in Italia: polpette in umido o bianche, a base di carne cruda o bollita, polpette di pesce, vegetariane, con materiali di recupero e gourmet, le varianti sono praticamente infinite. Per il primo episodio della nostra serie dedicata alle polpette italiane abbiamo deciso di cominciare dalla ricetta della nonna di uno chef partenopeo. Dopo la versione del ragù napoletano ricco, Antonio Sorrentino presenta 'e Purpette: carnivore, fritte e appetitose, per realizzare le polpette al sugo lo chef parte dalla carne cruda, utilizza pane raffermo, erbe aromatiche, uva passa e pinoli. Il tutto fritto nella sugna (ma va bene anche l'olio!). Tenetevi forte, un altro piatto epico è in arrivo dalla Campania! In collaborazione con:


    0 min

    Hard

  • 103

    PANZEROTTI PUGLIESI vs. PIZZA FRITTA da Bari con la Sig.ra Nunzia a Napoli con Ermenegildo

    AUTORE CHEF NUNZIA CAPUTO e FERDINANDO DE GIULIO Pizza fritta o panzerotto pugliese? Cerchiamo di mettere luce in questo amletico dilemma con un vero e proprio viaggio al termine della frittura! A Bari Vecchia, nella strada delle orecchiette, la signora Nunzia Caputo, famosissima per la sua pasta casereccia venduta da generazioni lungo la via, ha aperto le porte del suo "sottano" per mostrarci la ricetta originale del panzerotto barese fatto in casa. Ci spostiamo poi a San Giovanni a Teduccio, Napoli, dove il pizzaiolo Feridinando De Giulio di Ermenegildo, ci farà scoprire due varianti della pizza fritta napoletana classica: il battilocchio e la grande. Un video dedicato allo street food da guardare fino in fondo... In collaborazione con:


    0 min

    Medium